fbpx
Come risparmiare sulla luce

Come risparmiare sulla luce?

Una guida per te, per aiutarti a risparmiare in bolletta con pochi e semplici accorgimenti. Leggi di più su Risparmiami.

Con l’arrivo del caro bollette è sempre più importante fare attenzione ai consumi, pena l’arrivo di fatture molto salate per l’energia elettrica. Allo stesso tempo però, è sempre utile combattere gli sprechi adottando uno stile di vita sostenibile e alcune buone prassi che possono aiutarti a risparmiare in bolletta.

Scegli l’offerta luce giusta per te

La prima cosa da fare è valutare se l’offerta luce che hai al momento è conveniente e se è adatta alle tue esigenze di consumo. Per scoprirlo dovresti confrontate tutte le offerte attualmente presenti sul mercato. Questa ricerca però potrebbe richiedere molto tempo.

Per ovviare al problema puoi affidarti a Risparmiami che cerca per te le migliori offerte luce sul mercato, le mette a confronto e ti propone la tariffa con il rapporto qualità/prezzo più in linea con le tue esigenze.

Risparmiami ti aiuta a risparmiare sulla bolletta cercando per te la tariffa luce e gas più conveniente.

Evita gli sprechi. Ecco alcuni comportamenti salvabolletta

  • Spegni la luce quando cambi stanza.
  • Stacca la spina se non stai usando un dispositivo.
  • Evita di lasciare gli elettrodomestici in stand-by.
  • Preferisci i programmi eco-friendly quando usi gli elettrodomestici.
  • Utilizza un solo dispositivo per volta.
  • Scegli lampadine a risparmio energetico.
  • Regola la temperatura del condizionatore a max 25° C in estate e max 24° C in inverno.
  • Usa gli elettrodomestici con parsimonia.
  • Riempi correttamente e fino alla loro capienza massima lavatrice, asciugatrice e lavastoviglie.

Scegli elettrodomestici di classe A+++

Gli elettrodomestici di ultima generazione sono pensati per avere un ridottissimo impatto ambientale e quindi per garantire consumi minimi. Quando acquisti una nuova  lavatrice, un forno, una lavastoviglie, assicurati prima di tutto della sua classe energetica.

La migliore è la classe A+++, ovvero quella che consuma il numero minore di kw e quindi ti assicura un buon risparmio sulla bolletta dell’energia elettrica. La classe peggiore invece è la G, a cui appartengono elettrodomestici di vecchia generazione e non, che funzionano con un alto dispendio energetico.

Per legge, tutti gli elettrodomestici devono riportare la loro classe energetica sull’etichetta, espressa anche da un codice colore molto facile da comprendere: A+++ corrisponde al colore verde, G invece al colore rosso.

La classe energetica riguarda tutti gli elettrodomestici come: aspirapolvere, lavastoviglie, forni elettrici e a gas, lavatrici, asciugatrici e lavasciuga, televisori, condizionatori e climatizzatori, boiler elettrici e a gas, congelatori e frigoriferi, ma anche lampadine e dispositivi per l’illuminazione domestica.

Concentra i consumi nelle fasce più economiche

Un’altra buona prassi per risparmiare sulla luce è quella di concentrare i consumi nelle fasce orarie più economiche.

In Italia, esistono 3 fasce denominate F1, F2 ed F3. Le più economiche sono la fascia F2, dal lunedì al venerdì, dalle ore 7.00 alle ore 8.00 e dalle ore 19.00 alle ore 23.00 e che include anche la giornata di sabato dalle ore 7.00 alle ore 23.00, escluse le festività nazionali, e la fascia F3, dal lunedì al sabato dalle ore 23:00 alle ore 7.00 e include anche la domenica e i giorni festivi 24 ore su 24.

Quindi, se utilizzi spesso elettrodomestici come lavatrice e lavastoviglie programma l’avvio durante le fasce orarie a basso consumo. Se possibile, prediligi i programmi eco friendly ovvero quelli che impiegano più tempo per effettuare il lavaggio ma garantiscono un minor dispendio di energia elettrica e di acqua.

Le fasce orarie del tuo operatore luce non sono adeguate alle tue esigenze di consumo?

Scopri in che modo Risparmiami può aiutarti a trovare una tariffa adatta alle tue esigenze.